1933 – La testata cronometrica

Intanto un altro fondamentale cambiamento era avvenuto. Era il 1933 quando la Wayne Tank & Pump Company propose un nuovo meccanismo per l’indicazione della quantità erogata. Invece che le sfere del quadrante, I’alberino collegato alla camera di misurazione metteva in movimento un complesso sistema a orologeria capace di gestire alcune batterie di rulli numerati. L’indicazione…

1930 – I modelli clock-face

Per le sue stesse modalita d’uso, il distributore a misurazione visibile era obbligato alla monumentalità: il vaso andava messo in alto perchè la benzina affluiva per gravità al serbatoio dei veicoli; doveva essere grande per non rendere troppo lento il rifornimento. I progettisti, curando l’estetica di questi giganti, ne avevano enfatizzato la mole proponendoli quali…

1928 – I distributori volumetrici

Le “visibili” erano lente: svuotato il vaso, bisognava aspettare che si riempisse di nuovo; e anche pericolose: se il vaso si rompeva, si liberava di colpo una cascata di liquido infiammabile. Quando, alla fine degli anni Venti, apparve un nuovo tipo di misuratore, la loro epoca cessò quasi di colpo. Nei nuovi distributori volumetrici la…

1920 – Le gasoline stations

Le visible pumps furono le protagoniste degli anni Venti, intanto la realtà della motorizzazione e della distribuzione di carburante si andava fortemente modificando. Nel 1920 la pompa dl benzlna faceva ormai parte del paesaggio, come i lampioni e le cassette postali; le gasollne stations sul territono degli Usa erano clrca quindicimila, e non si poteva…

1920 – Le visible pumps

In seguito la pompa conservò il compito di sollevare il liquido, mentre quello di misurare passava al vaso: iniziava la stagione delle visible pumps, i distributori a misurazione visibile. L’apparecchio era sempre imponente un robusto involucro conteneva la pompa la quale non più legata alla misurazione, poteva essere rotativa e mossa da motore elettrico; sopra…

1910 – I primi globi luminosi

Attorno al 1910 apparvero in cima alle colonnine i primi globi luminosi recanti l’indicazione generica di Gasoline o Filtered gasoline, pompe misuratrici montate su carrelli-serbatoio si rivelarono molto utili come ausilio ai distributori fissi, soprattutto nei garages e nei posti di rifornimento secondari. Sembrava che la sete di benzina non finisse mai, anche se se…

1908 – La Ford modello T

La presenza dei nuovi congegni, la diffusione dei posti di rifornimento e l’espandersi della motorizzazione avevano un reciproco effetto moltiplicatore: se il numero crescente di auto spingeva a installare nuovi distributori, la nuova disponibilità di benzina spianava la strada all’uso e alla diffusione dei veicoli. Nel 1908, con la Ford modello T, I’auto cessava di…

1906 – Tokheim Dome Oil Pump

Un ulteriore passo avanti venne, I’anno successivo,dalla Tokheim Dome Oil Pump uscita dall’officina di John J. Tokheim, un altro pioniere dei distributori di benzina. Alla pompa misuratrice era aggiunto un contatore meccanico con indicazione della quantità erogata; c’era anche un vaso graduato di vetro dove il liquido affluiva prima di passare nel tubo flessibile permettendo…

1905 – Bowser Self-measurnig Pump

Ma già nel 1905 il rivoluzionario sistema di Grenner e Laessig apparve ingombrante e obsoleto rispetto all’ultimo prodotto della S.F. Bowser & Co.: fondata da Sylvanus F. Bowser per realizzare la sua invenzione del 1885, questa società aveva continuato a operare nel campo del petrolio approntando congegni sempre più perfezionati. La Bowser Self-measuring Gasoline Storage…

1905 – Automobile Gasoline Co.

Le auto erano ormai abbastanza comuni nelle strade di Saint Louis, quando nel 1905, Harry Grenner e Clem Laessing fondarono la Automobile Gasoline Company. La ragione sociale è indicativa: il kerosene non vi è nemmeno menzionato. Si puntava a una rivendita di benzina al passo coi tempi, con attrezzature pensate espressamente per le automobili. Il…