« Torna indietro

Packaging

La benzina venduta nelle latte

Appena le auto furono un fenomeno apprezzabile anche la benzina venne venduta nelle latte, le stesse del kerosene, salvo il cambiamento del colore e del marchio: fino all’avvento dei distributori furono un mezzo efficace di rifornimento.

Con la loro notevole capacità (in Italia venti litri) le latte funzionavano pure da serbatoio di riserva da caricare sull’auto o da tenere in garage; in molti paesi europei non sparirono immediatamente con l’avvento dei distributori e, specie nelle località fuori mano, restarono a lungo in servizio.

L’auto non richiedeva solo carburante: in particolare bruciava grandi quantità di olio, che era fornito sfuso o in contenitori di vetro confezionati dallo stesso gestore; ma spesso era offerto, sugli espositori e sui banchi di vendita, anche in lattine a chi desiderava un olio particolare garantito da una confezione sigillata.

Prevalentemente in lattina o in barattolo metallico andarono gli additivi, i grassi e tanti altri prodotti specifici per l’automobile.